Sostenibilità a scuola con l’economia domestica

di Salvatore Insolia

Millennial, Generazione Z, Generazione Alpha. Cresciuti guardando la televisione, con un telefono in mano, circondati da computer e console videoludiche sempre più spettacolari e performanti.

Non è una critica, io stesso sono un Millennial. È un dato di fatto.

Come la maggior parte dei miei coetanei e di chi è più giovane di me, ho passato le mie giornate in compagnia di questi dispositivi. So destreggiarmi tra smartphone, applicazioni digitali e smart TV. E le ore che ho passato davanti ai videogiochi nel corso della mia vita sono più di quante vorrei ammettere.

Ogni volta che mia madre usa Word la locuzione “formattazione del testo” perde completamente di significato. Col suo smartphone l’assisto per quasi ogni operazione che non sia chiamare o usare Whatsapp. Ha abbandonato ogni speranza d’imparare a usare la smart TV per guardare i suoi programmi preferiti tramite le app di streaming più note.


Questo è l’aspetto che diamo al progresso che avanza: imparare a usare tecnologie sempre più fantascientifiche che rendono possibili cose fino a ieri solo lontanamente immaginabili. Ma cosa stiamo lasciando indietro?

Fino a 22 anni, non ero in grado di cucinare neanche un uovo. La mia specialità era mettere assieme un panino. Non avevo la minima idea di come si accendesse un forno.

Chi avrebbe mai immaginato che un giorno avrei lavato il bagno? Io che non avevo mai preso in mano uno straccio e che il massimo delle pulizie che avevo in mente era lavare i piatti e spolverare i miei fumetti.

Fino a quel momento non mi ero mai interessato a fare la spesa, ad acquistare i miei vestiti, non avevo scelto nemmeno i mobili della mia stanza. La mia mente era totalmente assorta da universi fantasy e supereroi in calzamaglia. E lo è tuttora in verità, ma c’è stato un punto di svolta nella mia vita.

Sono ormai 5 anni che studio la sostenibilità applicata alla mia economia domestica. Se anche tu vuoi abbracciare il cambiamento e capire come fare la tua parte nel gioco di equilibri della sostenibilità, dai un’occhiata alle nostre consulenze per migliorare la tua organizzazione domestica e l’impronta ecologica.

Sostenibilit a scuola con leconomia domesticapng

Sostenibilità ed economia domestica sono due concetti che a scuola sono più unici che rari.

Tuttavia la sostenibilità negli ultimi anni ha un profilo mediatico più ampio e quindi sta prendendo un po’ più di spazio all’interno dei programmi scolastici, ma l’economia domestica è una disciplina che per lo più è stata dimenticata o considerata antiquata in Italia.

Quando parlo di economia domestica con le persone nate dagli anni ‘80 in poi, nei loro occhi si può leggere la pressoché totale mancanza di riferimenti. Non sanno cosa sia e spesso, a causa di programmi televisivi fuorvianti e libri che promettono trucchi magici degni di Houdini, pensano sia solo un modo per contenere le spese domestiche.

Economia domestica, in poche parole, è tutto quello che non facevo prima dei 22 anni. Ed è una pratica quotidiana indissolubilmente legata alla sostenibilità.

Al di là dei fattori di sussistenza - che già di per sé garantiscono non pochi vantaggi - essere consapevoli del potere che le nostre scelte hanno non solo per la qualità della nostra vita ma sinergicamente per una sostenibilità a 360° è fondamentale. Ed è qualcosa che dovrebbe tornare tra i banchi di scuola.

Non nascondo il fatto che io stesso, pur cavandomela un poco, ho iniziato a studiare di più una volta finita la scuola che mentre la frequentavo come studente. Eppure per l’economia domestica il discorso è differente, perché in quanto materia applicata è a tutti gli effetti un laboratorio di vita.

Economia domestica e sostenibilità a scuola: un link molto importante per il nostro futuro.

All’estero nei paesi dell’Europa del Nord, dove sono stati più lungimiranti di noi italiani, la materia è parte del programma scolastico ed è la più apprezzata dagli studenti.

Si tratta di rendere i ragazzi e le ragazze capaci di prendere la loro vita nelle loro mani e di essere in grado di plasmare un futuro sostenibile.

Parità di genere, condivisione dei carichi domestici, prodotti ecologici, salubre igiene domestica, sicurezza domestica, alimentazione sostenibile, spreco alimentare, lettura delle etichette, cura dell’abbigliamento, galateo e spirito civile, uso dell’energia e dell’acqua, conti di casa. Sono questioni intrinseche all’economia domestica e che garantiscono l’acquisizione di conoscenze e competenze trasversali utili alla vita di tutti i giorni e che s’intrecciano a materie di studio come la matematica, le scienze, l’educazione civica, la storia, la geografia.

Negli ultimi 50 anni abbiamo assistito alla terza e alla quarta rivoluzione industriale, perché allora non riportare l’economia domestica a scuola in una versione 2.0?

Le nostre scelte di economia domestica hanno effettivamente un impatto sulla sostenibilità, per questo Evekeia ha progettato un corso formativo online rivolto a chiunque voglia imparare a condurre la sua quotidianità in maniera organizzata e corretta in una visione globale che tiene conto dell’impatto sull’ambiente, sulla salute ed anche sul portafoglio.