Relamping: di cosa si tratta e perché è importante

Quali sono i vantaggi e come funziona il relamping LED, l'intervento di efficienza energetica per sostituire le lampadine e quali sono i vantaggi

Il relamping si inserisce all'interno degli interventi di efficienza energetica: grazie alla sostituzione delle lampadine tradizionali con quelle al LED infatti viene garantito un minor consumo energetico, una riduzione delle bollette e un minor impatto sull'ambiente


Relamping: di cosa si tratta


Il relamping rappresenta uno degli interventi più importanti e diffusi quando si parla di efficienza energetica. Ma cosa si intende esattamente con il termine relamping e quali sono i suoi vantaggi? Relampig, dall'inglese sostituzione delle lampadine, consiste per l'appunto nel sostituire le lampade tradizionali, come quelle alogene, a incandescenza o fluorescenti, con le moderne lampade al LED; lo scopo di questa pratica è quello di ridurre i consumi e aumentare l'efficienza energetica.

L'illuminazione al LED rappresenta un importante passo a favore della sostenibilità ambientale, soprattutto in termini di consumi energetici. Le lampadine al LED hanno infatti il grande vantaggio di produrre una maggiore luminosità, pur generando una minor dispersione di calore rispetto alle tradizionali lampadine a incandescenza. Questo, di fatto, si traduce in un minor consumo di energia e un grande beneficio per ambiente e portafoglio.

Le lampade al LED (Light Emitting Diode) sono diodi a luce intermittente e la differenza, rispetto ai modelli più obsoleti, risiede nel fatto che si accendono istantaneamente (mentre i modelli precedenti richiedevano qualche secondo per raggiungere la massima luminosità), oltre ad emettere una luce priva di raggi ultravioletti e infrarossi.


La sostituzione delle lampadine vecchie a favore di un prodotto a minor consumo è uno degli interventi più diffusi quando si svolgono lavori di efficientamento energetico negli edifici, sia che si parli di ambito residenziale o industriale. Quando si effettua un intervento di LED relamping assume anche molta importanza la fase di progettazione illuminotecnica che, oltre alla sostituzione delle lampadine, deve prendere in considerazione anche altre attività come la manutenzione dell’impianto nel corso del tempo e la qualità della luce al fine di assicurare i massimi livelli di visibilità, di sicurezza e di comfort.

Pin relampingpng

I benefici del Relamping LED


Da alcuni anni a questa parte la tecnologia a LED, grazie ai continui miglioramenti tecnologici e anche alla progressiva discesa di prezzo, è diventata l’opzione obbligata per effettuare interventi di relamping. Questo perché è in grado di assicurare numerosi vantaggi che riguardano innanzitutto una forte riduzione dei costi di esercizio e di manutenzione, visti i bassi consumi e l’elevata durata nettamente superiore rispetto alle tipologie di lampade tradizionali, permettendo di ottenere un risparmio energetico che può arrivare anche al 60-80%.


Ma vediamo di seguito tutti i vantaggi del relamping e perché conviene.


Risparmio energetico

Il primo e più importante vantaggio del relamping risiede proprio nel risparmio energetico: una lampadina a LED infatti genera 5 volte più luce rispetto alle lampade tradizionali, ma richiede il 50% in meno di energia per funzionare, tanto che possono essere alimentate anche con energie rinnovabili.


Risparmio sulla bolletta

Il risparmio economico si presenta fino dalla prima bolletta, in quanto una lampadina LED consente di diminuire i consumi fino al 70% rispetto alle lampade tradizionali.

Consumare meno energia significa ridurre la bolletta dell'elettricità ma rappresenta anche un'importante aiuto nei confronti dell'ambiente. Per avere un risparmio maggiore è bene scegliere il fornitore più adatto con cui fare una voltura o un subentro tra quelli del mercato libero che offre al momento le tariffe più convenienti. Per fare una scelta più consapevole è bene confrontare i prezzi sul web o tramite un comparatore di tariffe e valutare le diverse recensioni disponibili online.


Maggiore durata e resistenza

Le lampade a LED hanno una durata stimata di 50mila ore in caso di luce bianca o blu e 10 mila in caso di LED monocromatici. Una differenza sostanziale rispetto alle sole 750 ore di durata di una lampadina a incandescenza. La maggior durata della lampadina al LED si traduce inoltre in un abbattimento dei costi di manutenzione, in quanto permettono di ritardare più a lungo la sostituzione delle lampadine. Inoltre, le lampade a LED sono molto più resistenti al calore, all'umidità e alle sollecitazioni fisiche, rendendole adatte ad essere utilizzate in qualsiasi ambiente, anche nei più estremi.


Dimensioni ridotte

Essendo molto più piccole rispetto alle lampadine tradizionali, le lampade al LED possono essere utilizzate anche in maniera innovativa, integrandole ad esempio all'interno di pavimenti, soffitti e pareti.


Controllo da remoto

L'integrazione con sistemi di smart lighting permette il controllo di ogni punto luce (colore e intensità) anche e soprattutto da remoto. Per avere il massimo dal proprio impianto è bene assicurarsi di avere in casa una copertura internet senza linea fissa che garantista una connessione stabile. Per questo è possibile fare una verifica della copertura fibra prima di scegliere l’operatore più adatto alle proprie esigenze.